Istanbul

Diego Miguel Mirabella - Scoprivamo il sole

Sezione Under 35

L’opera

Il lavoro si inscrive in un progetto di ricerca in progress sul mosaico marocchino che l’artista porta avanti dal 2017, in stretta collaborazione con alcuni artigiani di Fez. Il mosaico tradizionale marocchino (Zellij) presenta pattern geometrici uniformi e rigorosamente aniconici, regola ferrea che viene invece trasgredita nei lavori di Mirabella attraverso l’inserimento di disegni, forme, frasi, pensieri e suggestioni che il più delle volte si perdono nelle trame stesse dello schema geometrico, confondendosi con esso. L’opera raffigura uno squarcio dal quale si intravede un cielo stellato – realizzato modificando il colore delle stesse tessere – e, le stelle, vengono intercettate all’interno della trama del pattern classico, che diventa esso stesso suggerimento per il soggetto. Al centro del lavoro compare la scritta «Il rito si accordava al gioco, la bocca arsa e gli occhi bruciati, scoprivamo il sole»: frase che rimanda a una dimensione calda legata ai luoghi del sud del mondo e, al contempo, al rapporto con l’infanzia, riferimento a una certa letteratura siciliana e alla filosofia del “meridiano”, un tempo lento e riflessivo, lo stesso necessario per la realizzazione dei lavori a tecnica musiva.

Scultura-mosaico in ceramica e ferro, cm 330×255. 2021
Collezione: RISO – Museo regionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Palermo

L’autore

Diego Miguel Mirabella (1988) in molti dei suoi progetti si avvale dell’immaginario, degli usi e della cultura di altri artisti o artigiani, allo scopo di indagare il confine di comunicazione e di scambio tra sé stesso e “l’altro”, creando lavori che scaturiscono da questo conflitto. Una selezione di mostre in Italia e all’estero include: Materia Nova (Galleria d’Arte Moderna, Roma, 2021); One clover and a bee and revery (Moonens Foundation, Bruxelles, 2021); Decorato decoroso distratto (Studio Sales di Norberto Ruggeri, Roma, 2021); Babies Are Knocking (Studio Stefania Miscetti, Roma, 2021); Il castone e la barota (Studio Sales di Norberto Ruggeri, Roma, 2019); Défragmentation (1,61 Space, Bruxelles, 2019); Mirabilia Urbis (Roma, 2019); Iniziamo qui (Galleria Frediano Farsetti, Milano, 2019); Placido (Dimora Artica, Milano, 2019). Art Truc Troc, (Bozar, Bruxelles, 2018); Room#12 (Rue petite boucher, Bruxelles, 2018); Spectrum (Limone space, Londra, 2018); Radieuse (Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles, 2017); Bodikon (Belmacz, Londra, 2016); You are invited. Content-curation/Spambot Aesthetics (Chalton Gallery, Londra, 2016); The Habit of a Foreign Sky (FutureDome, Milano, 2016); Il museo delle Palme (Orto botanico, Palermo, 2015); Trincee- Ill mondo in fiamme e la morte, (Galleria La Nuova Pesa, Roma, 2014. Andiamo là (L’A Project, Palermo, 2014); The grass grows (Basilea, Roma, 2014); Entrano fuggendo (Operativa arte contemporanea, Roma, 2013); In ognuno di noi, Temple University, Roma, 2012). Nel 2016 ha co-fondato il project space Limone a Londra. Vive e lavora tra Palermo e Roma.

La mostra

Diego Miguel Mirabella, Scoprivamo il sole
(date da confermare)
IIC Istanbul, Asmalı Mescit, Meşrutiyet Cd. No:75, 34430 Beyoğlu/İstanbul, Turchia